Effetti dell’acqua PI® sul corpo umano

Processo di invecchiamento

L’importanza dell’acqua nel corpo

Subito dopo la nascita, l’uomo consiste addirittura per più dell‘90% di acqua. In caso di morte naturale, cioè non provocata da un incidente o malattia, la percentuale d’acqua è molto inferiore al 50%!

Il contenuto di acqua nel corpo è direttamente correlato al processo di invecchiamento. Chi beve molta acqua, vive più a lungo, più sano e conserva giovinezza e bellezza. Tutte le funzioni del corpo, come la circolazione sanguigna e la digestione, dipendono da un bilancio idrico positivo all’interno dell’organismo. Se per lungo tempo beviamo troppo poco, la pressione sanguigna aumenta e il colesterolo rischia di accumularsi in quantità pericolose. Le cellule di tessuto adiposo vengono scarsamente demolite, le pelle diventa secca e pallida e tende alla cellulite – anche questa una delle possibili conseguenze di un metabolismo impigrito a causa della carenza d’acqua. Dobbiamo imparare che bere acqua è la premessa per essere vitali e attraenti.

La medicina moderna conferma, inoltre, che molte malattie croniche sono riconducibili alla carenza d’acqua, per esempio il mal di schiena cronico o l’emicrania, e per questa ragione parla di „malattie da acqua“.

Limonate, frullati, succhi di frutta dolci così come tè e caffè zuccherati sono generi voluttuari e non contribuiscono all’apporto di liquidi all’organismo. Al contrario, sottraggono acqua al corpo, lo appesantiscono con coloranti e conservanti e, a causa dell’elevato contenuto di zuccheri, favoriscono l’obesità e l’insorgere del diabete.

„Le bevande sono liquidi con caratteristiche bio-fisiche completamente diverse da quelle che presenta l’acqua potabile naturale ed energizzata, che è un vero balsamo per il corpo“.

Dr.Med.Univ.Ivan ENGLER

Salisburgo/Austria

I liquidi con caratteristiche bio-fisiche ottimali come l’acqua-PI possono essere assorbiti dalle cellule molto rapidamente e con poco dispendio energetico.

organi

La corteccia cerebrale è costituita per l‘84% di acqua, i muscoli per il 75%, il cuore per il 74% e le cellule nervose per il 70%! I 2/3 dell’acqua contenuta in un essere umano si

trova nelle cellule, 1/3 al di fuori di queste. Questa acqua è in costante movimento e l’acqua intercellulare vien rinnovata ogni nove giorni.

„La cellula è immortale. Solo il liquido in cui la cellula galleggia è soggetto a processi degenerativi“.

Dr. Alexis CARREL

Premio Nobel per la medicina

La condizione necessaria affinchè la cellula sia immortale è il costante rinnovamento dell liquido extracellulare. Non tutte le acque possono garantire la „vita eterna“. La differenza tra un liquido bioenergeticamente attivo e un’acqua comune stà nella struttura fisica, vale a dire nell’ordinamento spaziale delle molecole (geometria). L’alterazione di questa struttura è collegata alla malattia.

L’acqua-PI soddisfa le esigente imposte dalle cellule umane all’acqua. L’acqua PI penetra nella cellula rapidamente e con un dispendio energetico minimo. Il processo di invecchiamento può essere rallentato e viene inoltre favorito il perfetto funzionamento dell’organismo.

Prevenzione dal cancro

Ogni giorno vengono prodotti circa 3 litri dell’acqua intracellulare dai liquidi apportati al corpo. Questa riformazione richiede al corpo molta energia e sostanza. L’acqua PI è molto simile per le sue caratteristiche all’acqua intercellulare propria del corpo umano.

La straordinaria struttura a piccoli cluster ed il livello energetico facilitano la penetrazione nella membrana cellulare.

Deposizione di colesterolo

In ogni cellula del corpo il colesterolo regola la permeabilità della membrana cellulare per il passaggio dell’acqua. Se al corpo manca l’apporto di acqua pura ed energizzata (=disidratazione), esso non vuole perdere la preziosa acqua rimasta nel sangue attreverso le pareti delle cellule e quindi „impermeabilizza“ con il colesterolo. Un regolare apporto di acqua PI® all corpo ed alle cellule può ridurre la disidratazione e la sedimentazione di colesterolo nei vasi.

Malattie cardio-circolatorie

L’energizzazione PI può abbassare alti potenziali redox (+mV) dell’acqua di rubinetto, come è stato provato. Lo stato colloidale del sangue risulta quindi migliorato e viene ridotto il rischio di malattie cardio-circolatorie.

Inoltre l’acqua PI ha un maggior potere antiossidante dell’acqua di rubinetto, cosa che aiuta per la lotta ai radicali liberi nell’organismo.

„Il sangue umano sano è un sistema colloidale relativamente stabile. Una destabilizzazione causa uno sfavorevole stato di „gelificazione“ del sangue, che come conseguenza porta all’addensamento, all’agglutinazione, a disturbi dell’irrorazione sanguigna fino all’infarto cardiaco. I fattori scatenanti di questa destabilizzazione sono i valori del potenziale zeta aumentati (+mV o „elevato potenziale redox positivo“), causati tra l’altro dall’inquinamento del cibo per via di tracce di alluminio o metalli pesanti. Anche il trattamento dell’acqua di rubinetto col cloro, l’ozonizzazione o i raggi UV aumenta i valori del potenziale zeta e quindi il rischio di malattie cardio-circolatorie.“
RIDDICK, Th. M.

Control of Colloidal Stability through Zeta-Potential; Zeta Meter Inc., New York

Digestione

Gli enzimi svolgono un ruolo chiave nel processo digestivo. Essi però possono adempiere in modo perfetto alla loro funzione biochimica solo se la loro guaina idrica viene approvigionata regolarmente con acqua pura, energizzata e strutturata a piccoli cluster.

L’acqua PI® attiva gli enzimi ed in tal modo le sostanze nutritive dei cibi vengono assorbite più rapidamente e con un minore dispendio di energia per la digestione. L’acqua PI® ha, inoltre, un forte effetto disintossicante e depurante per l’eliminazione delle scorie.